SmartApp

Tra il crescente numero di applicazioni per gli smartphones, sono già noti diversi programmi di esercizi fisici per il fitness e più in generale per la prevenzione ed il benessere. Di più specifico interesse per i temi trattati in questo sito, sono state recentemente proposte delle applicazioni da utilizzare nel campo della traumatologia e della medicina dello sport.

In Olanda è stata lanciata la proposta di un’applicazione per la prevenzione delle distorsioni della caviglia, uno dei più frequenti traumi da sport, spesso curata in modo frettoloso e “fai da te”. Denominata semplicemente “Rinforzare la caviglia”, questa nuova App contiene consigli di carattere generale sui bendaggi funzionali e preventivi ed un programma interattivo di riabilitazione neuromuscolare di basso costo. Per confrontare l’efficacia e la convenienza di questo programma, sarà condotto uno studio scientifico controllato con due gruppi di pazienti colpiti dal medesimo trauma, previa classificazione medica della patologia. Un gruppo seguirà un tradizionale protocollo di otto settimane per la prevenzione delle recidive, basato su una tavola per la ginnastica propriocettiva ed istruzione scritte, mentre l’altro gruppo sostituirà il documento scritto con la App interattiva. Nel corso del 2014 saranno resi noti i primi risultati di questo studio.

Un’idea ancora più semplice è quella alla base del secondo recente programma: raccogliere dati sugli infortuni sportivi utilizzando lo strumento dei messaggi SMS. In Australia sono state selezionate 4 squadre di  football, i cui giocatori hanno ricevuto dopo ogni partita un SMS in cui venivano richieste notizie sugli eventuali infortuni occorsi nell’ultima settimana. Sono stati considerati il numero delle risposte, la loro frequenza e tempestività. Un totale di 139 giocatori ha riferito 167 traumi, con una percentuale di risposta agli SMS tra il 90 e il 98%. Molti degli sportivi hanno risposto nel volgere di 5 minuti. E’ evidente il considerevole vantaggio di una simile raccolta dati non solo per il basso costo e la rapidità di risposta, ma anche per la completezza delle segnalazioni rispetto a metodi più tradizionali: è infatti noto che gli sportivi spesso non riferiscono tutti gli infortuni, in particolare quelli ritenuti di minore gravità e gestibili senza ricorrere a cure specialistiche. In questo modo, invece, il consiglio del personale sanitario potrebbe raggiungere un numero più elevato di pazienti a parità di risorse disponibili.

Come dimostrano i due esempi citati, le possibilità offerte dalla tecnologia degli smartphones giocheranno con molta probabilità un ruolo sempre più importante nella medicina dello sport del futuro.   

 

Per saperne di più 

1.       Van Reijen M, Vriend II, Zuidema V, van Mechelen W, Verhagen EA. The implementation effectiveness of the 'Strengthen your ankle' smartphone application for the prevention of ankle sprains: design of a randomized controlled trial. BMC Musculoskelet Disord. 2014 Jan 7;15(1):2.

2.       Ekegren CL, Gabbe BJ, Finch CF. Injury reporting via SMS text messaging in community sport. Inj Prev. 2014 Jan 10. doi: 10.1136/injuryprev-2013-041028.